Full text: Zeitungsausschnitte über sonstige Veröffentlichungen

© Hessisches Staatsarchiv Marburg, Best. 340 Grimm Nr. Z 49 
Se non fossimo abituati a 
venerare con un culto cieco e 
con perenne adorazione la liber 
tà, e non avessimo in lei una 
fede incrollabile *— passando ad 
esame i frequenti pericoli ai 
quali ci espone, 1 danni che in 
nome di lei ci fanno cadere ad 
dosso gli ipocriti sacerdoti di 
questo nume, che si mostra sem 
pre- ai popoli a traverso lo nubi 
dell' incenso che gli bruciano 
intorno adoratori fìnti e bugiardi 
— se non proseguissimo di un a- 
more a. tutta prova la castissima 
dea, rimpiangeremo gliajani pas 
sati sotto il ferreo dominio dei 
tiranne!li che angariavano le 
cento città d’Italia, della quale 
fanno oggi peggio? governo i 
figli discordi e ambiziosi, peg 
giore di quello che non ne fa 
cessero i despoti stranieri che 
lo mettevano a sacco. 
Venti anni di vita civile, 
libera ed indipendente, hanno 
dimostrato egli italiani, che non 
devono più temere degli estra 
nei, ma di loro stessi. Termi 
nate con fortuna maraviglioss, 
e malgrado gli errori colossali 
commessi dai nostri uomini po 
litici e dai nostri capi militari, 
le guerre di indipendenza, co 
minciò un altra campagna più 
disastrosa della prima, quella 
delle ambizioni e degli interessi 
privati, che divisero in millh fa 
zioni i cittadini di questo sven 
turato paese, intenti ad assicu 
rare il trionfo dei proprio par 
tito, non la grandezza e la pro 
sperità della patria, che ebber 
sempre sulle labbra, ma non nel 
cuore. 
Parliamo dei cittadini che 
hanno voce in capitolo, dei cit 
tadini che armeggiano, con man 
dato o senza mandato del popolo, 
perchè a questo è sempre toc 
cato e sempre toccherà fino alla 
consumazione dei secoli la parte 
dell'asino, che porta i barili del 
vino e beve V acqua pantanosa 
del fosso. 
Da questa guerra iniqua di 
personalità e di subiti guadagni, 
da questa infame manìa di vo- ' 
ler sostituire il trionfo dell’ io, 
alla salute del paese, scaturi 
rono tutti i mali che piomba 
rono addosso a questa povera I- 
talia, ridotta ormai una mummia 
senza sangue nè carne, e quel 
che è peggio senza anima, im 
potente a rialzarsi dallo scorag 
giamento e dalla miseria in cui 
è stata cacciata. 
Spogliata fino dell’ ultimo 
zecchino, ridotta senza un bri 
ciolo d’oro, che tutto se lo ingoia 
rono i banchieri con T aggio e 
con l’interesse che si appropria 
rono per le usure pretese da lei, 
che sì è ridotta ora alla vigilia 
di veder morire di fame i suoi 
figli, pei quali è incapace a pro 
curar nè lavoro nè pane. 
E mentre con T inoltrarsi 
dell’inverno, si avanza verso di 
noi lo spettro terribile della ca 
restia e delle pubbliche calamità 
che a quella tengono dietro, ve 
diamo insorgere più furiose e 
violenti le ire di partito, ed i 
nostri capi popolo accapigliarsi fra 
loro, lottare con mezzi buoni o 
cattivi per levarsi l’un l’altro di 
sella, e quasi non vi fossero più 
al mondo che i loro interessi e 
1® loro persone, lasciar che il po 
polo muoia di stenti, purché la 
loro fazione trionfi ed arrivi ad 
i 
-nsediarsi sul ponte del comando. 
Sono ormai venti anni che 
si ripete questo osceno e nau 
seante spettacoli — Sappiamo 
che la lotta è uno degli elementi 
della vita pubblica presso le na 
zioni libere, ma noi non pos 
siamo permetterci questo lusso 
di divertimenti. Che lottino i 
partiti dei wig e dei tory in 
Inghilterra, i liberi scambisti e 
i protezionisti in America, si 
intende ; in quei paesi dove le 
casse pubbliche e private son 
piene d’oro e d’argento, le lotte 
servono di salutare esercizio, ma 
noi che si muore d’ inedia, 
non abbiamo bisogno di eserci 
tarsi nella ginnastica politica, 
ma di lavorar tutti d’ amore e di 
accordo, per raccogliere almeno 
tanto da levarci la fame. 
E per dirla senza metafora, 
il nostro paese ha bisogno di 
ordine e di quiete, di buona 
amministrazione e di gente o- 
nesta, non di lotte politiche, di 
destri e di sinistri, nomi esotici 
e che in Italia non hanno un 
significato, commedie di oltra 
montani, che presso di noi son 
prive di senso comune. 
Con tutto questo armeggio 
di voti di fiducia e di sfiducia, 
di dimissioni e di accettazioni, 
di ministri renunziatari, preten- 
tendenti e scartati, non siamo 
arrivati a vedere accettare un 
italiano nel ministero del Vice 
ré d’ Egitto, dobbiamo cercare 
il grano al di fuori, e non ab 
biamo danari per comprarlo, sia 
mo disprezzati all’estero e tri 
bolati in casa; e tutta la sapienza 
dei nostri uomini politici ci ha 
ridotti al punto dì dover morir 
dal freddo e dalla fame, dopo 
Ormai agli italiani non ri 
mane altro che sperare nel senno 
e nella lealtà del loro giovine 
Re e confidare che egli voglia 
una buona volta mandare a casa 
tutti questi fannulloni, che in 
tanti anni non sono stati buoni 
che a screditare e impoverire lo 
state, voglia circondarsi di persone 
nuove tratte dal vero popolo, in 
mezzo al quale non mancano gli 
uomini onesti e capaci, e tirare 
avanti con quelli, senza curarsi 
tanto dei discorsi dei cattedra 
tici, e degli avvocati. Alla voce 
del Re, la nazione risponderà 
con prontezza, indicando i nomi 
degni della fiducia della reggia 
e del popolo.
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.